…quando si dice l’importanza delle relazioni

Ho un concetto strano della normalità? Forse hai ragione Pokipsy, illustrami però un modo migliore per sgranchirmi le dita (eh, eh, eh) dopo 24 giorni trascorsi a ignorare il più possibile la tastiera…

Comunque il ritorno è stato buono, sono anche stato bene accolto in ufficio e oggi vorrei sottolineare proprio l’importanza di avere buoni rapporti con i colleghi di lavoro, infondo con loro passi più tempo che con i tuoi o con la ragazza/moglie.

E’ accaduto oggi a pranzo, ero un po’ giù di corda e la giornata uggiosa certo non autorizzava al buonumore, stavo quasi per
andarmene a mangiare solo soletto, quando qualcosa mi ha detto di passare a salutare Aldo, il gestore egiziano del bar di
JWT (un tipo davvero fico). Cazzo raga ! Che accoglienza, non lo avrei mai immaginato.Il personale del bar, i colleghi/ghe, “Baci & Abbracci” non di circostanza, non dimenticherò la vivacità del personale del bar, la saggezza del mio collega Antonio, la schiettezza abruzzese di Pasquo, l’inarrivabile simpatia di Massimo, la dolcezza di Gaja, la grinta di Marina.
Ero atterra, mi sono bastate due chiacchiere, sono ritornato come nuovo. Visto l’importanza delle relazioni?

Così alla fine vi dico: comunicate ragà, fatelo sempre, vi accorgerete che non siete i soli ad avere qualche piccolo o grande problema, il segreto è non chiudersi tutto si risolverà.
Per cui chiedete, non esitate e non vergognatevi, provare a fare tutto da soli è dispendioso, controproducente e non rende felici.
La nostra natura è fondamentalmete relazionale, dunque relazioniamoci per come siamo anche se poi certi aspetti del nostro carattere vanno secondo me necessariamente smussati a seconda del contesto in cui ci troviamo.

Sono diverso quando sono sul lavoro (ha ragione Lucia che mi sa vedere), tuttavia, la mia identità s’insinua ogni volta che trova spazi per esprimersi, prova ne è che i miei colleghi mi vedono più o meno come sono, cioè vero, spontaneo, intenso, alternativo, sfuggente, professionale, trendy, piacente.

Vagliù Pazzeo ! Però consentitemi na’ botta di autostima e di autoironico compiacimento.

Conclusioni del saggio opinionmaker:

Se non cercate di relazionarvi, rivolgerete sempre e soltanto le interrogativi a voi stessi.
Risultato: se non avete risposte valide non ne troverete mai.
Il vissuto individuale e un tuttuno con l’esperienza collettiva.
Senza la disposizione ad ascoltare, non si può dare
Explore posts in the same categories: new trends

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: